Sfoglia le categorie

ANNA SAYS

ANNA SAYS

Lavorare a maglia: 4° lezione {avviare le maglie}

Prendendo in mano i ferri circolari, due asticelle corte attaccate fra loro con un cavetto, la cosa che all’inizio infastidisce di più è il cavo che si attorciglia e si frappone tra noi e il nostro lavoro.

Sul Web si trovano diversi consigli su come rendere più “docile” il cavo dei ferri circolari ma per un principiante sarebbero comunque superflui. L’unico consiglio che mi sento di dare a questo proposito è di cercare di ignorare il più possibile il cavo e concentrarsi sui ferri e su quello che deve succedere su di essi.

Detto questo, partiamo! Continua a leggere

CONDIVIDIShare on FacebookTweet about this on TwitterPin on Pinterest
lavoro a maglia
ANNA SAYS

Lavorare a maglia: 3° lezione {il metodo continentale}

Nei miei corsi dal vivo la spiegazione dei primi tre argomenti, il linguaggio, gli strumenti e il metodo continentale, avviene al primo incontro, durante il quale distribuisco le dispense informative sui primi due argomenti, rispondo alle domande degli allievi e mostro materialmente la tecnica che mi accingo a spiegare in questa lezione; il tutto in un tempo piuttosto breve.

Per questo corso di maglia “virtuale”, invece, ho pensato che la soluzione migliore fosse dividere questi argomenti in singole lezioni per consentire a chi legge di avere il tempo di ricercarli online.

Quindi la terza lezione di maglia sul blog, così come la prima e la seconda, sarà ancora una lezione teorica, per conoscere e non per fare. Continua a leggere

CONDIVIDIShare on FacebookTweet about this on TwitterPin on Pinterest
lavorare a maglia con anna
ANNA SAYS

Lavorare a maglia: 2° lezione {gli strumenti – tools}

Il metodo per lavorare a maglia, tradizionalmente usato in Italia, prevede l’uso di lunghi ferri dritti, uno dei quali tenuto fermo sotto l’ascella del braccio destro. È con questi ferri che abbiamo visto lavorare le nostre nonne e con cui, probabilmente, vi siete già cimentati nel lavoro a maglia, come è successo a me.

Di quelle prime esperienze di lavoro a maglia ricordo gesti molto impacciati, il ferro che cadeva dall’ascella {sono magra e questo non aiuta} e un gran male a collo e spalle a causa della postura totalmente sbilanciata su un lato, ma, soprattutto, ricordo lunghi ferri intrasportabili, più simili ad un arma che a uno strumento di diletto. Continua a leggere

CONDIVIDIShare on FacebookTweet about this on TwitterPin on Pinterest
ANNA SAYS

Lavorare a maglia: 1° lezione {il glossario}

Eccoci, si parte! Oggi inizia ufficialmente il corso “Riprendiamo il filo” {lezioni di maglia per principianti – metodo continentale, ferri circolari} per imparare a lavorare a maglia in maniera semplice e veloce.

Il corso è tenuto dalla mia amica Anna Greco che ha raccolto e ordinato il materiale che aveva predisposto per le lezioni digitali dedicate alla sorella Cristina, di professione designerContinua a leggere

CONDIVIDIShare on FacebookTweet about this on TwitterPin on Pinterest
ANNA SAYS

Lavorare a maglia: il Web e l’insegnamento

Ricordo di aver provato a lavorare a maglia da bambina, con mia nonna che sferruzzava molto bene, ma i miei tentativi di imparare furono goffi e fallimentari.

Quei ricordi mi sono molto cari e sono tra le ragioni che mi hanno spinto a voler re-imparare a lavorare a maglia in età adulta, da autodidatta, riuscendo con costanza e passione a farne una professione come ho già raccontato su questo blog. Continua a leggere

CONDIVIDIShare on FacebookTweet about this on TwitterPin on Pinterest