Sfoglia le categorie

ANNA SAYS

lavoro a maglia
ANNA SAYS

Lavorare a maglia: 8° lezione. Il cordino da usare come coulisse.

Il manufatto che abbiamo realizzato è un collo/cappello, un cilindro di maglia con una coulisse a una estremità, come abbiamo visto nella lezione precedente. Una variante della lavorazione permette di trasformare il collo/cappello in un berretto di lana; chi volesse applicare questa variante dovrà aspettare la prossima lezione, dopo la pausa estiva, dove farò un accenno alla lavorazione di diminuzioni e aumenti. Continua a leggere

CONDIVIDIShare on FacebookTweet about this on TwitterPin on Pinterest
ANNA SAYS

Lavorare a maglia: 6° lezione. Chiusura del lavoro {bind off} e Campione {gauce}

Se fossimo a una delle mie lezioni dal vivo, saremmo seduti intorno a un tavolo in silenzio, con una musica rilassante in sottofondo, concentrati nel fare le textures. Dopo qualche minuto, certamente qualcuno farebbe la domanda: “E adesso come chiudo?”

Infatti arrivati a questo punto delle lezioni, per poter terminare lo scampolo delle textures che abbiamo iniziato nella precedente lezione, è necessario “chiudere il lavoro”. La chiusura dei punti è un passaggio tecnico obbligatorio per terminare un lavoro a maglia: consiglio ai principianti di prestare particolare attenzione ad esso, soprattutto durante le prime esperienze. Continua a leggere

CONDIVIDIShare on FacebookTweet about this on TwitterPin on Pinterest
ANNA SAYS

Lavorare a maglia: 5° lezione. Punto dritto & punto rovescio {Purl & Knit}

Nella lezione precedente abbiamo montato le maglie e iniziato a lavorare i “punti dritti”. Quello che faremo in questa lezione è imparare a lavorare anche i “punti rovesci”. Dritto e rovescio sono l’essenza stessa del lavoro a maglia, è sufficiente imparare questi due punti per riuscire a dare vita a un campionario pressoché infinito di manufatti.

Osservare e capire la differenza tra un punto dritto e un punto rovescio agevolerà moltissimo l’apprendimento delle fasi successive.
Continua a leggere

CONDIVIDIShare on FacebookTweet about this on TwitterPin on Pinterest
ANNA SAYS

Lavorare a maglia: 4° lezione {avviare le maglie}

Prendendo in mano i ferri circolari, due asticelle corte attaccate fra loro con un cavetto, la cosa che all’inizio infastidisce di più è il cavo che si attorciglia e si frappone tra noi e il nostro lavoro.

Sul Web si trovano diversi consigli su come rendere più “docile” il cavo dei ferri circolari ma per un principiante sarebbero comunque superflui. L’unico consiglio che mi sento di dare a questo proposito è di cercare di ignorare il più possibile il cavo e concentrarsi sui ferri e su quello che deve succedere su di essi.

Detto questo, partiamo! Continua a leggere

CONDIVIDIShare on FacebookTweet about this on TwitterPin on Pinterest